Montecastelli™ selects the best in Italian wine and foods, with a focus on indigenous wine varietals and support for importers and producers. Montecastelli™ - About Us Montecastelli™ - Our Wines Montecastelli™ - Producers Montecastelli™ - il Libretto  
 
Montecastelli™ Selections Ltd.
Information
Regional Map
Distribution
Producer Support
Importer Support
Our Foods & Oils
Links
Press Clips
Contact Us
Find Wine
House Fair
Mailing list
Privacy
Montecastelli Book

villa_rental_f2.gif

catalogs_f2.gif

points_or_not.gif

 

 

Home > Montecastelli (EN) > Il Libretto > Montepulciano

Montepulciano

MONTEPULCIANO
Montepulciano, with over 75,000 acres of vineyards planted to the variety, is one of Italy's major red grapes, but its popularity, and the increasingly high quality of the wines which it makes, is in inverse proportion to the extreme confusion which has marked both the history, nomenclature, and scientific study of the variety. And this, beyond the shadow of a doubt, can largely be attributed to its name. Montepulciano, a small city with a very distinguished Renaissance architecture, located in the southeastern part of Tuscany which directly touches Umbria, has long been known for the excellent red wines produced from what is locally known as the "Prugnolo gentile" grape. Prugnolo Gentile is, quite simply, one of the many members of the Sangiovese family, central Italy's most widely cultivated variety The wine it gives in the area immediately adjacent to Montepulciano, known as Vino Nobile di Montepulciano, has been generally considered one of Italy's most important red wines ever since the late 16th century, when it was cited by Sante Lancerio, the papal cup-bearer, and the mid-17th century, when it was praised in a famous poem - "Bacchus in Tuscany " - as "the king of wines".
 
It was only logical, accordingly, for Montepulciano to be described as a Sangiovese which had wandered across the Apennines and found a home along the eastern coast of Italy. And this not only in the more impressionistic and dilettantish volumes of grape description published in the 18th and 19th centuries, but also in so fundamental a work as Molon's ampelography published in 1906 in Milan. Just to add further confusion, an entirely different red grape, which may have been the Aleatico of Tuscany or Muscat Hamburg, was once cultivated in the province of Alessandria in Piedmont, was also called Montepulciano.
 
All of this has been definitively clarified by scientific research carried out in the post-World War II period, and by now there are few doubts that this is a variety in its own right with nothing whatsoever to do with Sangiovese or other grapes erroneously baptized with the name of Montepulciano.
 
What has instead remained constant is the area in which the grape is most widely planted and gives its most important results. This is the territory along the Adriatic coast of Italy, and the first zone in which Montepulciano is a significant presence is the Rosso Conero appellation behind the city of Ancona. Much Montepulciano is planted further south in the Marches, in the Rosso Piceno denomination, and the variety dominates the vineyards of both the Abruzzo and the Molise regions below. Its last outposts are the northern provinces of the region of Apulia, Foggia and, to a lesser extent, Bari. A lone outpost of fine Montepulciano can be found in Montecastrili in the warm southern part of Umbria, and there are some occasional plantings of the variety in the Tuscan Maremma, principally in the provinces of Livorno and Grosseto, where, at times, it was planted by cultivators who had settled in the zone from the Marches, bringing their major native grape with them.
 
What all of the different areas have in common is their climate: Montepulciano is a somewhat late ripener, often maturing even after Sangiovese, and requires sustained heat during the summer in order to mature properly. Its preferred sites are generally on hillsides, but important grapes from relatively flat areas indicate that the variety is reasonably adaptable. What is essential is a serious viticulture aimed at keeping yields down; Montepulciano is a vigorous and generous variety and over-cropped vineyards give disappointing results: the wines have color and alcohol but little else. The tendency to push production beyond desirable levels is undoubtedly the result of the historic role of Montepulciano in the Abruzzo, where virtually none of the wine was bottled and the largest part of the production departed in tanker trucks to beef up anemic wines from cool climates. This as well has begun to change, and a larger number of well made Montepulciano d'Abruzzo are now on the market alongside those of the historic houses which have always made a distinguished product.
 
Montepulciano's specific characteristics as a wine are fairly easy to describe: dark in color, ripe and warm on the nose with jammy notes of plums and blackberries, ample and enveloping on the palate with a rich texture and plush tannins. Excellent on its own, it is also an ideal wine for blending with Sangiovese, its fullness and softness functioning as an excellent counterfoil to the more acid and tannic, more subtly perfumed Tuscan grape. The blend is the basis of the Rosso Piceno appellation, now attracting increasing attention for the original and characterful wines which are now beginning to appear in the zone, and which will undoubtedly become more numerous as a better viticulture and new, more professionally planted vineyards come into production. An occasional bottle of this combination of grapes from the Maremma indicates that the formula is a generally valid one, not one which is confined to a single area. Considering the large acreage in production and the increasing awareness of the potential of the variety, a new importance for Montepulciano in the overall Italian picture seems a certainty: 25 year old bottles of Montepulciano d'Abruzzo from legendary producer Edoardo Valentini indicate not only that the wine provides excellent drinking when young, but that it is also capable of an extended period of aging and improvement in bottles, one of the principal characteristics of the world's most distinguished wines.


MONTEPULCIANO
Il Montepulciano, vitigno piantato in più di 30.000 ettari di vigneti, è una delle principali uve rosse d'Italia, ma la sua popolarità e la qualità molto alta dei vini, sono inversamente proporzionali all'estrema confusione cha ha invece segnato la storia, la terminologia e gli studi scientifici del vitigno medesimo. Senza ombra di dubbio, tale fatto si può attribuire in buona parte al nome che porta. Montepulciano, piccola città dall'architettura rinascimentale molto raffinata, nel sud ovest della Toscana e molto vicina all'Umbria, è da secoli conosciuta per gli eccellenti vini rossi prodotti dall'uva nota nella zona come "Prugnolo gentile". Il Prugnolo gentile altro non è che una delle numerose ramificazioni della famiglia del Sangiovese, la varietà più coltivata dell'Italia centrale. Prodotto nell'area immediatamente adiacente a Montepulciano, il Vino Nobile di Montepulciano è generalmente considerato uno dei rossi italiani più importanti sin dalla fine del Cinquecento, quando è stato citato da Sante Lancerio, il coppiere papale, e nella metà del Seicento quando è stato elogiato nel famoso ditirambo - "Bacchus in Toscana " - come il "re dei vini".
 
Era logico quindi, che il Montepulciano venisse descritto come un Sangiovese il quale, dopo aver vagabondato di qua e di là degli Appennini, aveva trovato definitivamente casa sulla costa orientale della penisola. E questo è affermato non solo in tomi poco professionali e poco approfonditi dedicati alla descrizione dell'uva del Settecento e dell'Ottocento ma anche in un lavoro fondamentale come l'Ampelografia di Molon pubblicata nel 1906 a Milano. E per aumentare ancor più confusione, un'uva rossa completamente diversa che potrebbe essere stata l'Aleatico di Toscana o il Moscato di Amburgo, una volta coltivate in Piemonte nella provincia di Alessandria, si chiamava anch'essa Montepulciano.
 
Tutto ciò è stato definitivamente chiarito dalle ricerche scientifiche fatte nel periodo successivo alla Seconda Guerra Mondiale, così che ora è pressoché assodato che il vitigno è una varietà a sé e non ha niente a che fare con il Sangiovese o altre uve che erroneamente portano il nome di Montepulciano.
 
Costante e indiscussa rimane invece la zona dove il vitigno è più diffusamente piantato e dà i risultati migliori. È la striscia lungo la costa Adriatica, e il primo territorio in cui il Montepulciano ha una presenza significativa è nella denominazione Rosso Conero, al di là di Ancona. Molto Montepulciano è piantato più a sud nelle Marche, nella zona del Rosso Piceno, e questa varietà domina i vigneti sia dell'Abruzzo che del Molise. I suoi ultimi avamposti sono le province della parte settentrionale della Puglia, Foggia e, in una misura minore, Bari. Esiste un solo avamposto di Montepulciano di qualità in Umbria, a Montecastrili nella calda parte meridionale della regione, e vi è pure qualche impianto occasionale del vitigno nella Maremma toscana, nelle province di Livorno e Grosseto, dove in passato fu piantato anche da coltivatori originari delle Marche che si erano installati nella zona, portando con sé la varietà più importante della loro regione.
 
Quello che accomuna queste differenti aree è il clima: il Montepulciano è di maturazione piuttosto tardiva, spesso perfino successiva al Sangiovese, e richiede un calore sostenuto durante l'estate per maturare adeguatamente. I suoi siti preferiti sono generalmente i pendii collinari, ma risultati di qualità in aree relativamente piatte dimostrano che la varietà è abbastanza adattabile. Il requisito essenziale è, inutile dirlo, una viticoltura seria che miri a tenere le rese basse; il Montepulciano è una varietà vigorosa e generosa e i vigneti troppo prolifici danno risultati deludenti: i vini hanno colore e alcool ma poco altro. La tendenza a spingere la produzione al di là dei livelli auspicati è senza dubbio la conseguenza del ruolo storico di Montepulciano nell'Abruzzo, dove pochissimo vino veniva imbottigliato e la maggior parte della produzione era mandata nelle autobotti a rinforzare i vini anemici dei climi freddi. Anche questo comincia a cambiare, così che ora sul mercato si trova un numero maggiore di Montepulciano d'Abruzzo ben fatti, accanto a quelli delle case storiche che hanno sempre fatto un prodotto di livello.
 
Le caratteristiche specifiche del vino di Montepulciano si individuano con relativa facilità: scuro di colore, maturo e caldo al naso con note di confettura di prugna e mora, ampio e avvolgente al palato con trama ricca e tannini vellutati. Eccellente da solo, è anche ideale per il taglio con il Sangiovese, la sua pienezza e dolcezza ne fanno un eccellente partner per l'uva toscana, più acida, tannica e dai profumi più sottili. Il taglio è alla base del Rosso Piceno, che ora attira un'attenzione crescente grazie ai vini originali e di carattere che cominciano a comparire in zona e che diventeranno sicuramente più numerosi man mano che verrà messa in atto una nuova viticoltura e saranno messi in produzione più vigneti piantati in maniera professionale. Qualunque campione, preso a caso, di una tale combinazione di uve della Maremma prova che la formula è valida universalmente, e non riesce solo in un'area specifica. Vista l'ampia superficie in produzione e la maggiore consapevolezza del potenziale della varietà, si può avere la certezza che il Montepulciano acquisterà una nuova importanza nel panorama italiano: le bottiglie di Montepulciano d'Abruzzo invecchiate 25 anni dal leggendario produttore Edoardo Valentini indicano non solo che il vino è eccellente se bevuto giovane ma che è anche capace di invecchiare e di migliorare per lungo tempo in bottiglia, e questa è una delle prerogative dei grandi vini del mondo.




>>> back to top

Background Bottom Left